Terralavoro si deve dimettere da Presidente della Commissione Ambiente

 

POLIS Tivoli NEWS #PolisUp

Chiediamo le DIMISSIONI di Gabriele Terralavoro da Presidente della Commissione Ambiente del Consiglio Comunale di Tivoli.

Nella seduta del Consiglio Comunale del giorno 8 febbraio, rispondendo ad un emendamento al DUP presentato dalla Consigliera Manuela Chioccia a difesa del vincolo gravante sull'Area Stacchini, Gabriele Terralavoro, Presidente della Commissione Ambiente, ha testualmente sostenuto :

" Dipendesse da me quelle piantine non ci sarebbero piu' e si dovrebbe invece tutelare la salute ... " .

Con tali parole Terralavoro ha dimostrato di non conoscere la natura e la qualità del vincolo confondendo le " piantine " con HABITAT classificati e codificati.

Inoltre ha millantato una presunta e mai dimostrata, perchè indimostrabile, conflittualità tra Tutela Ambientale e Tutela della Salute.

Ha altresì dimenticato che governa Tivoli dal 2014 senza aver mai trovato una soluzione al problema del degrado in cui versa l'Area di cui trattasi.

E' chiaro il tentativo di usare demagogicamente la Bonifica , contrapponendola strumentalmente alla difesa della Salute, per riproporre la Variante da 2,1 milioni di metri cubi di cemento armato a tutto vantaggio della Proprietà e non certo della Collettività.

Riteniamo che il Presidente della Commissione Ambiente debba difendere l'Ambiente e debba puntare ad un sempre minore consumo di suolo.

Pensiamo anche che il lavoro che sta svolgendo il nuovo Gestore del SIC , cioè il Parco dei Monti Lucretili, stia invece andando nella direzione giusta e che possa indicare tempi certi e soluzioni idonee per la definitiva perimetrazione dell'Area e per programmare con certezza le modalità e i tempi, a breve, della Bonifica.

Le Leggi ci sono per essere rispettate e non per essere aggirate a svantaggio delle Comunità.

Ribadiamo la nostra richiesta di DIMISSIONI da Presidente della Commissione Ambiente di Gabriele Terralavoro per manifesta incapacità a ricoprire quel ruolo di garanzia e di controllo .