STACCHINI, POLIS Tivoli non molla

 

POLIS Tivoli NEWS #PolisUp

Sull'Area Stacchini la posizione di POLIS Tivoli è chiara e netta, non lascia spazio a tentennamenti o cedimenti.

Riteniamo che per quell'Area, poichè vi insistono Vincoli Europei prioritari definiti con la Direttiva CEE 43/92, con la Delibera di Giunta Regionale 813/17, con le Normative Nazionali che hanno recepito quei vincoli, il Comune di Tivoli debba modificare la destinazione Urbanistica risalente al 1973 ormai obsoleta.

Inoltre Il Polo Logistico e la variante proiettiana sono incompatibili con la presenza del Nuovo Polo Ospedaliero Tiburtino previsto dalla Regione Lazio nelle aree contigue.

Il Consiglio Regionale del Lazio, in data 7 ottobre 2020, ha approvato una Mozione che boccia la Variante presentata da proietti sia in Giunta ( 2018 ) che in Consiglio ( 2020 ) e invita la Giunta Regionale ad accorpare l'Area nella Riserva Naturale dell'Inviolata.

Il Piano della Mobilità del Lazio, Delibera di Giunta Regionale 1.050/2020, non prevede in quella zona il Polo Logistico ma una semplice connessione tra la nuova Stazione Ferroviaria di Tivoli Terme e la ipotizzata minimetro Tivoli Centro-Tivoli Terme.

Infine la stessa Regione Lazio ( Direzione Regionale Capitale Naturale ), in data 23.09.19 e in sede di Valutazione Ambientale Strategica del PUGC proposto dal Comune di Tivoli, ha chiaramente indicato all'Ente l'esigenza di procedere alla rivisitazione delle previsioni di PRG per quanto concerne la destinazione urbanistica dell'Area sulla base dei vincoli ZSC imposti successivamente all'approvazione ( 1973 ) dello stesso Piano Regolatore Comunale.

POLIS Tivoli è pronta a ricorrere presso tutte le sedi Istituzionali e Giurisdizionali per difendere questa impostazione e le ragioni che impongono la ricerca dello Sviluppo Sostenibile con la priorità assoluta della Salute Pubblica.